Paralisi Facciale

Digg This
Reddit This
Stumble Now!
Buzz This
Vote on DZone
Share on Facebook
Bookmark this on Delicious
Kick It on DotNetKicks.com
Shout it
Share on LinkedIn
Bookmark this on Technorati
Post on Twitter
Google Buzz (aka. Google Reader)

Iniziamo col dire che la paralisi facciale colpisce il nervo facciale , che è quello che permette ai muscoletti della faccia di creare la mimica del viso,  fornisce anche la sensibilità gustativa alla parte anteriore della lingua e permette il funzionamento corretto delle ghiandole lacrimali, sottolinguali e della mandibola, e della mucosa della cavità nasale.

Una paresi facciale può essere periferica oppure centrale a seconda della parte che viene interessata; la paralisi centrale sarà e colpirà la metà inferiore del volto mentre la paralisi periferica sarà completa ed interesserà tutto il volto.

Alcune delle cause che provocano la paralisi facciale periferica sono: ” neoplasie, meningiti, disturbi vascolari e fratture del cranio; otiti, traumi o ferite al viso, ed altre.

I sintomi più comuni sono i seguenti: palpebra più aperta – rughe della fronte appiattite – sopraciglie calate – perdita di umidità dell’occhio – impossibilità di soffiare, gonfiare le guance o fischiettare – impossibilità di chiudere gli occhi.

E’ essenziale accorgersi del sopraggiungere della paresi facciale dai primi sintomi.. prima si interviene e più si riesce a tenerla sotto controllo senza che provochi grossi danni.

Le prime avvisaglie possono essere difficoltà di controllare perfettamente le labbra; per esempio se mentre lavate i denti e li risciacquate
un pò d’acqua fuoriesce da un lato delle labbra, bisogna iniziare ad osservare attentamente se insorgono altri sintomi.
Un’altro sintomo iniziale può essere l’intorpidimento delle labbra, oppure delle guance, o del naso o della fronte o di una parte qualunque del viso.

Se si verificano questi sintomi, bisogna stare molto calmi e osservarsi attentamente di fronte ad uno specchio per capire se ci sono segnali che denotano asimmetria del viso; se per esempio mentre si mangia o si beve, il cibo o l’acqua viene spinto involontariamente da una parte della bocca  bisogna alzare lo stato di allerta.

Una cosa essenziale è rimanere calmi, perchè solo cosi si riesce ad essere razionali e capire se questi sintomi sono reali e non dettati dalla paura o dall’ansia.

In ogni caso, se si riscontrano questi sintomi è bene recarsi al presidio ospedaliero più vicino per farsi controllare.

La paralisi Facciale viene curata con dosi massicce di cortisone a scalare; il cortisone è un farmaco che va usato con molta attenzione,  e sopratutto mai troppo a lungo.

Il cortisone viene prodotto dal nostro corpo attraverso la ghiandola surrenale,
quando si introduce cortisone dall’esterno la ghiandola ne produce meno o niente, se si utilizza cortisone troppo a lungo la ghiandola surrenale può smettere di funzionare e quindi bisogna introdurre sempre cortisone dall’esterno, dato che il nostro corpo ha bisogno di esso per sopravivere.

E’ essenziale  informare sempre i medici di eventuali patologie delle quali siete affetti; non date per scontato niente e informateli di qualunque cosa avete notato, anche se vi sembra banale e inutile.

Una cosa importantissima per riabilitare la parte bloccata è massaggiarla , bisogna fare dei piccoli movimenti circolari  con i polpastrelli per tentare di riattivare la circolazione e poi fare ginnastica tentando di muovere tutti i muscoletti del viso.

Dopo il primo ciclo di cura è indispensabile fare un controllo da un Neurologo ed effettuare una TAC o una risonanza magnetica.

Questa voce è stata pubblicata in Salute Benessere e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.